DIMISSIONI ONLINE

>
>
>
DIMISSIONI ONLINE

COSA SONO LE DIMISSIONI?

Le dimissioni sono l’azione con cui un dipendente si ritira dal proprio incarico, interrompendo quindi il contratto di lavoro effettuato con il datore di lavoro.

Le dimissioni presentate dal lavoratore hanno effetto da quando il datore di lavoro ne è a conoscenza, ma in alcuni casi è necessario comunicarle con un preavviso di dimissioni.

 
PREAVVISO DI DIMISSIONI: CHE COS’E’?

Il preavviso di dimissioni è il tempo che passa da quando arriva l’avviso al datore di lavoro, al momento in cui termina realmente il rapporto di lavoro.

IL PREAVVISO DI DIMISSIONI È OBBLIGATORIO?

Vediamo per ogni tipo di contratto di lavoro, se c’è l’obbligo di preavviso oppure no:

  • contratto a tempo indeterminato: il preavviso è sempre richiesto, perchè l’interruzione è un fatto imprevisto. La maggior parte dei contratti a tempo indeterminato stabiliscono un periodo di preavviso che inizia il  o il 16° del mese.
  • contratto a tempo determinatonon prevede un preavviso, ma il datore di lavoro può richiedere un risarcimento di una somma pari al periodo che mancava alla fine del contratto
  • contratto di collaborazione o stage: anche questo tipo di contratto può terminare in qualsiasi momento, ma c’è comunque un obbligo di avviso, in quanto il datore di lavoro può richiedere un risarcimento come nel caso precedente.
 
ECCEZIONI IN CUI IL PREAVVISO DI DIMISSIONI NON E’ OBBLIGATORIO
 
Abbiamo visto che ci sono dei casi in cui il preavviso di dimissioni è obbligatorio, ma con le condizioni che ora elencheremo, l’obbligo di preavviso decade:
  • Giusta causa: si verifica quando il lavoratore subisce persecuzioni (mobbing), maltrattamenti, ecc. In questo caso l’effetto delle dimissioni è immediato e il datore di lavoro dovrà un risarcimento al lavoratore.
  • maternità o paternità
  • periodo di prova 

In ogni caso, a meno che non ci si dimetta per giusta causa (maltrattamenti sul lavoro), le dimissioni volontarie non permettono l’accesso alla NASPI (indennità mensile di disoccupazione), ma resta dovuto il TFR (trattamento di fine rapporto).

 
COME DARE LE DIMISSIONI ONLINE?
 
Come ha stabilito il Decreto Legislativo del 2015, la maggior parte dei lavoratori dipendenti non può più presentare la semplice lettera di dimissioni cartacea per interrompere il rapporto di lavoro, ma deve effettuare una procedura online sul sito dell INPS (dimissioni telematiche).

Il lavoratore può presentare le dimissioni online in due modi:

  • modalità diretta: il dipendente avrà bisogno del PIN dispositivo o dello SPID per accedere al portale dedicato, dovrà compilare il modulo inserendo i propri dati e quelli del datore di lavoro e concludere inviando il documento.
  • in maniera assistita: se non si ha a disposizione il PIN o lo SPID, o anche se si preferisce essere aiutati nella compilazione del modulo di dimissioni, il lavoratore può rivolgersi a centri abilitati come i CAF (centri di assistenza fiscale).

VUOI INFORMAZIONI O FISSARE UN APPUNTAMENTO?
COMPILA IL FORM

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.